Come fare keyword research con Semrush e ricercare le parole chiave necessarie a fare crescere il traffico del tuo sito web

Scopri come fare keyword research con Semrush per trovare le parole chiave adatte a posizionare il tuo sito web sui motori di ricerca e far crescere il traffico.
Indice

Se ti occupi di SEO già da un po’ di tempo, saprai bene quanto sia fondamentale un ottimo lavoro di ricerca keyword (detto anche keyword research) per identificare parole chiave e temi da trattare all’interno dei tuoi contenuti in modo da posizionarti meglio con le tue pagine all’interno dei risultati di ricerca organici su Google.

Se sai già come si dovrebbe svolgere questa task, nelle prossime righe di questo nostro articolo cercheremo di capire insieme quanto Semrush possa esserti utile, semplificando in modo notevole il processo, accorciando così anche i tempi di lavorazione.

Al contrario, se hai qualche dubbio in materia su come svolgere una ricerca keyword in modo da avere dati a disposizione che ti portino a migliorare le performance del tuo progetto sul web, ti consigliamo di visitare questa pagina su Search Engine Journal dove potrai scaricare un ebook davvero utile che ti guiderà a capire come svolgere una ricerca keyword e sviluppare la tua metodologia che potrai poi utilizzare direttamente su Semrush o su un tool che utilizzi già abitualmente.

Ora però non ci dilunghiamo troppo con il concetto di keyword research, andando subito nello specifico a vedere come sfruttare le incredibili potenzialità della suite SEO di Semrush per trovare le parole chiave che permetteranno di garantire al tuo progetto web una crescita vertiginosa a livello di traffico organico derivante da Google.

Vuoi provare Semrush? I lettori di Ultimate Tools hanno diritto ad una prova gratuita di 14 giorni.

Panoramica keyword

Il primo strumento che potresti usare è quello che viene chiamato Panoramica Keyword. In questo caso ti basterà digitare la keyword che desideri analizzare e compariranno subito davanti a te dei dati molto interessanti per fare una prima valutazione.

Lo schermo restituirà infatti il volume di ricerca, il numero di risultati in serp, la difficoltà nel posizionarti per quella keyword (espressa in percentuale con valore che va da 0 a 100), il trend annuale e la tipologia di snippet in primo piano.

Più in basso potrai migliorare ancor di più la tua analisi, vedendo alcune variazioni della keyword (con relativi volumi di ricerca mensili), le domande correlate degli utenti che includono la parola chiave e le keyword correlate. Sarà così possibile aprire ciascuna delle 3 schede per avere lunghi elenchi: a fianco ad ogni keyword sarà disponibile un comodo tasto “+” che ti permetterà di aggiungerle al tuo Keyword Manager per creare le tue liste.

Molto interessante in questo tool il Report Cronologia, che ti darà una panoramica di quali domini stanno investendo budget nel corso del tempo per avere degli annunci a pagamento sulla rete di ricerca di Google Ads per posizionarsi in cima per quella parola chiave. In questo modo potrai così comprendere se ci sono competitor che stanno spendendo denaro per tale parola chiave e avrai così dei dati supplementari per capire il livello di competizione sulla keyword.

Keyword Magic Tool

Un altro ottimo strumento per svolgere al meglio questa task è il Keyword Magic Tool. In questo caso il lavoro diventa ancora più efficace in quanto potrai scovare nuovi termini e parole chiave a cui forse non avevi pensato.

Il funzionamento del tool è molto semplice: digita la tua keyword nella barra dello strumento e attendi l’elaborazione dei risultati.

Comparirà davanti a te un lunghissimo elenco con alcuni filtri. In alto troverai la possibilità di segmentare le keyword per corrispondenza generica, a frase o esatta. In alternativa potrai anche eliminare i filtri, cliccando su “All Keywords” per avere un elenco con tutti i valori al suo interno. 

A destra troverai anche le keyword correlate a quella che hai inserito, in modo da verificare se esistano delle altre parole semanticamente correlate al tuo argomento o parola chiave che hai digitato. Molto interessante la funzione “domande” che include tutte le domande che gli utenti fanno più frequentemente a Google che contengono la parola chiave che hai indicato.

Nel menu più in basso hai invece dei filtri, che includono il volume, la keyowrd difficulty (KD%), il CPC e i filtri avanzati.

Per effettuare una ricerca di parole chiave per le quali desideri posizionarti, il suggerimento che ti diamo è quello di guardare attentamente l’elenco e tramite i filtri selezionare solamente le keyword con una difficoltà relativamente bassa (sotto il 29%) con volumi di ricerca superiori a 90. In questo modo sarà molto semplice iniziare a creare dei contenuti che si posizioneranno quasi istantaneamente per l’argomento in questione, per poi alzare il livello sempre di più man mano che vai avanti con il tuo piano editoriale.

Non trascurare mai un fattore chiave: l’intento di ricerca. A fianco ad ogni keyword troverai una lettera abbinata ad un colore che ti fornirà indicazioni sul tipo di risorsa che si posizionerà al meglio per rispondere all’intento di ricerca sotteso nella keyword in questione. La I colorata in azzurro sottende un intento informativo, la T in verde un intento transazionale, la C in giallo un intento commerciale e la N in viola un intento navigazionale. Cerca sempre di scegliere keyword per le quali sia possibile creare un contenuto adatto a soddisfare l’intento di ricerca dell’utente

Per la scrittura dei testi ti consigliamo anche di dare un’occhiata ai tool per generare contenuti con AI che abbiamo recensito nel nostro articolo. Il modo migliore, anche se più lento, è sempre quello di creare i testi manualmente, in modo da avere il processo sotto controllo. 

In questo secondo caso dovresti almeno sfruttare alcuni strumenti che semplificheranno le tue operazioni di copywriting, in modo da essere maggiormente efficiente. 

Ricerca organica

Un’operazione molto utile da fare è quella di basare la tua ricerca keyword sui competitor del medesimo settore. Per farlo potrai utilizzare la funzione Ricerca Organica presente nella suite Semrush.

Nell’apposita scheda che potrai selezionare dal menu di destra, digita il tuo dominio e attendi qualche secondo. In poco tempo compariranno tutti i competitor organici per il tuo business, con a fianco il livello di concorrenza con te, il numero di keyword comuni, il numero di keyword per cui si posizionano in serp, il traffico stimato totale e per quali parole chiave spendono budget in advertising.

Da qui potrai quindi selezionare ogni singolo concorrente ed avere un elenco di keyword con filtri uguali a quelli menzionati per il Keyword Magic Tool. Potrai quindi filtrare le parole chiave per difficoltà, aggiungendo anche qualche keyword per segmentare ulteriormente la lista.

Importantissima la funzionalità che ti permette di capire per quali parole chiave il competitor ha scalato posizioni nel corso del tempo o per quali è stato declassato o è uscito dalla top 100. In questo modo potrai trovare delle opportunità per posizionarti meglio di lui, sottraendogli così delle fonti di traffico organico a cui magari ha prestato poca attenzione.

Anche qui non dimenticare mai che è molto difficile posizionarti immediatamente per parole chiave brevi con una KD elevata. Cerca di prediligere keyword a coda lunga e query a bassa concorrenza, in modo da sviluppare i tuoi contenuti e posizionarli subito per avere traffico organico. Una volta fatto ciò potrai perfezionare la tua strategia di content marketing coprendo ogni aspetto di un determinato argomento e sfruttando i link interni potrai posizionarti anche per parole chiave con un alto livello di competizione e difficoltà.

Gap di keyword

Un altro ottimo strumento per trovare ulteriori parole chiave da inserire nella tua strategia di marketing è il GAP di Keyword, che ti permette di confrontare fino a 5 profili di keyword di domini differenti in contemporanea.

Potrai quindi inserire 4 concorrenti che hai scovato tramite il tool di Ricerca Organica, oltre che il tuo dominio, e confrontare i loro profili delle parole chiave per i quali sono indicizzati. A questo punto avrai modo di recuperare in modo semplice quali sono le query su cui si sono concentrati, scegliere quelle più vicine al tuo business e per le quali sei in grado di creare un contenuto migliore dei loro e provare così a posizionarti.

Nei filtri troverai la voce “mancanti”, “non individuate” e “deboli”, in modo da avere a monitor immediatamente le parole chiave per le quali non hai ancora sviluppato un contenuto e per le quali i tuoi concorrenti si sono già portati avanti. In questo modo riuscirai a individuarle ancora più semplicemente, evitando al contempo di sviluppare elenchi di keyword che potrebbero cannibalizzare gli articoli che hai già pubblicato sul tuo sito web.

Ricordati sempre di esportarle nel Keyword Manager, in modo da sfruttare il tool di clustering che le suddividerà in modo automatico in elenchi con termini pertinenti tra loro per lo sviluppo dei tuoi articoli o delle tue pagine.

Se hai già preso dimestichezza con la questione, potresti utilizzare anche dei tool di scarping con API come quelli che abbiamo descritto nel nostro articolo dedicato per fare un’analisi massiva dei contenuti sviluppati dai tuoi concorrenti, in modo da recuperare tutte le parole NLP per sviluppare una strategia che si basa anche sulla SEO semantica, i concetti trattati, i tag html ed effettuare un’analisi ancora più approfondita per avere un contenuto di altissimo livello che li potrà superare sulla serp.

Organic Traffic Insights

Organic Traffic Insights è uno strumento che è davvero fondamentale se desideri seguire il tuo progetto a livello professionale.

Il tool ti permette di collegare al tuo progetto i dati derivanti dal tuo account di Search Console e quelli di GA4, oltre che tutte le keyword e i dati che raccoglie autonomamente Semrush. In questo modo potrai utilizzare una tecnica per la ricerca keyword che qualche anno fa veniva sviluppata solamente tramite Search Console.

Ti basterà infatti vedere per quali parole chiave una tua risorsa è indicizzata in una posizione molto lontana dai primi posti in serp, verificare bene il testo e capire se soddisfi o meno l’intento di ricerca. A quel punto potrai migliorarlo o sfruttare tale keyword identificata con l’Organic Traffic Insights per generare un nuovo contenuto che sappia rispondere al meglio all’intento di ricerca sotteso in quella parola chiave. Dovrai anche ricordarti di linkarlo internamente nella pagina in cui hai individuato tale termine tramite l’Organic Traffic Insights, in modo da aumentare le possibilità che la risorsa venga indicizzata e si posizioni nella serp.

Con questi 5 strumenti potrai così sviluppare nel migliore dei modi la tua ricerca di parole chiave per i contenuti del tuo sito web. Dalla Panoramica Keyword che ti permette di effettuare un’analisi preliminare all’utilizzo del Keyword Magic Tool e dello strumento di Ricerca Organica, potrai procedere con la tua keyword research in modo molto rapido ed avere risultati professionali grazie a Semrush, che sarà un prezioso alleato per lo sviluppo della tua strategia di contenuti per il posizionamento organico del tuo progetto sul web.

Non dimenticare che tutti i lettori di Ultimate Tools, hanno diritto ad una prova gratuita di 14 per provare Semrush e comprendere a pieno tutte le sue potenzialità. Clicca questo link ed inizia ad utilizzare il tool di SEO più potente al mondo.

Se scegli di acquistare uno dei prodotti/servizi consigliati, aiuterai UT a crescere ed offrire un servizio gratuito. Alcuni dei link presenti in questo articolo infatti, generano commissioni in seguito all’acquisto del prodotto. *

 
 
 
 
 
 
Picture of Valerio Tesi

Valerio Tesi

Freelance specializzato in copywriting, SEO on page e off-page, grande appassionato di marketing, advertising e automation. Ama studiare ed evolvere il suo pensiero per riuscire a trovare le migliori soluzioni possibili per sviluppare strategie digitali che portino traffico e vendite ai siti web.

Condividi l'articolo!

Ultimate Tools

La newsletter dei tools di Digital Marketing
Iscriviti alla newsletter per scoprire ogni settimana nuovi strumenti di online marketing

info@ultimatetools.eu

© 2024 Tutti i Diritti Riservati – Ultimate Tools

La newsletter
dei tools
di Digital Marketing

Una volta a settimana. Gratis.